fbpx

I FIORI DELLA VIA: NUOVI CAMPI DI SVILUPPO

I Fiori della Via sono 22 Essenze vibrazionali alpine la cui funzione principale è di accompagnare la persona alla scoperta delle sue potenzialità interiori, particolarmente quelle connesse alle dimensioni spirituali. Sono in distribuzione dal 2014, anno in cui hanno cominciato ad essere prodotti dalla Peralba srls: ma il progetto di ricerca era partito molto prima, sviluppandosi tra le magnifiche Dolomiti.

Negli ultimi anni, varie e significative esperienze hanno orientato la mia attenzione su ulteriori funzioni dei Fiori della Via potenzialmente benefiche anche in altri ambiti: esperienze dirette o trasmesse che mi arrivavano dal mondo dei nostri amici a 4 zampe.

Potevano essere testimonianze da parte di persone che, mentre stavano utilizzando per sé i Fiori della Via, notavano particolari comportamenti o cambiamenti nel loro gatto o nel loro cane … il che non mi sorprendeva, perché “quando cambi tu, cambia anche il mondo intorno a te”

La cosa si faceva interessante nei casi in cui, non appena il Fiore arrivava a casa, il micio si acciambellava attorno alla confezione dell’essenza ancora chiusa e non la lasciava andare per un bel po’, oppure cominciava a fare le fusa guardandola o altri comportamenti di “avvolgente accoglienza”: quasi un riconoscimento … (vedi foto)

Nel corso del tempo ho cominciato a leggere questi “segnali ” come una finestra che si stava aprendo sulla possibilità di osservare, sperimentare, studiare, scoprire i Fiori della Via anche in altri campi di applicazione attraverso un progetto di ricerca, diverso rispetto a quello finora sviluppato: come ad es. la possibilità di impiegare i Fiori della Via con questi preziosi amici dell’uomo, in funzione anche terapeutica …

Nell’esperienza si è evidenziata la ben nota proprietà “riequilibrante” di Minuartia, benefica anche in tutte quelle situazioni in cui il gattino o il cane o il cavallo siano molto agitati e spaventati da agenti esterni come per es. i fuochi d’artificio … oppure duranti fasi di cambiamento e adattamento a nuovo ambiente.

Anche la combinazione Altavia è stata positivamente impiegata in varie patologie della pelle, particolarmente nei cani: come per es. l’istiocitoma (un piccolo tumore cutaneo) di una piccola amica, che necessitava proprio di un intervento chirurgico; normalmente questo rigonfiamento tende a regredire spontaneamente nell’arco di due-tre mesi e non richiede rimozione chirurgica: ma nella situazione di questa cagnolina, la lesione non regrediva nei tempi prospettati e stava peggiorando.

L’applicazione di Altavia unitamente alle amorevoli cure delle persone che la seguono in casa, hanno favorito o meglio, catalizzato la regressione di questo istiocitoma in 7-10 giorni, per cui il veterinario ha annullato l’intervento chirurgico già programmato.

Le foto testimoniano l’evoluzione positiva e la definitiva scomparsa della lesione dopo circa tre settimane.

LA FUNZIONE DEI FIORI DELLA VIA COME CATALIZZATORI/ATTIVATORI DI POTENZIALITA’

La principale proprietà dei Fiori della Via è di “attivare-catalizzare” il riconoscimento e lo sviluppo delle potenzialità interiori: si tratta di forze, qualità, capacità, energie, consapevolezze, dimensioni di coscienza già presenti in ciascuno di noi ma non ancora emerse e che vanno “oltre” la nostra attuale limitata percezione di ciò che siamo veramente.

I Fiori della Via “non riversano queste energie in noi”, ma ci aiutano per “risonanza” a prenderne coscienza: li ho sempre concepiti come “compagni di questo nostro viaggio” alla scoperta di … oppure come “specchi” della nostra essenza più profonda, della nostra “multidimensionalità in continuo divenire”

Da quanto finora osservato, questa loro Funzione attivante agisce in modo ancor più accelerato con gli animali, manifestandosi in alcuni casi con un veloce superamento del problema.

In realtà questi risultati rimandano ad un processo naturale, fa parte di quell’innata capacità di “curare se stessi” di cui la Natura ha dotato animali, piante, uomo, Terra …

Da alcuni autori verrebbe chiamata Natura Magica (e io stessa sono propensa a definirla così) ovvero quel “qualcosa in ciascuno di noi che sa come farci crescere”.

In tal senso, i Fiori della Via ne sarebbero la “reminescenza, la rimembranza, il richiamo”, impronte energetiche rievocative, informazioni messaggere utili a ricordarcela, a riconoscerla di nuovo in noi, (come potrebbe farlo uno specchio) per poterla rendere attiva, manifesta e farne consapevolmente esperienza, fidandocene: per incominciare a re-imparare la nostra sottile multidimensionalità.

Ritengo che per gli animali la via sia più diretta, in quanto di sicuro questi nostri amici non sono caratterizzati o condizionati da tutte quelle sovrastrutture psichiche socio-culturali che appesantiscono ancora così tanto “l’animo umano”: la loro pelle lo sa già e per questo il riconoscimento del messaggio vibrazionale è immediato.

Come “messaggeri sottili” della Natura Magica sottesa a tutto il creato, i Fiori della Via possono aprirsi anche ad altri versanti e modalità di impiego, tutte ancora da scoprire, sperimentare, documentare, verificare: la potenzialità esiste.

I Fiori della Via sono molto “giovani” rispetto per es. ai Fiori di Bach: potrei dire che hanno appena cominciato a “fiorire” ma stanno mostrando già, anche attraverso queste significative esperienze con gli amici a 4 zampe, uno “splendore” ancora tutto da scoprire.

Paola Sbaiz, scopritrice dei Fiori della Via

IN ALLEGATO: ARTICOLO PUBBLICATO

FIORI DELLA VIA E NUOVI CAMPI DI SVILUPPO

Pin It on Pinterest

Share This