fbpx

ESPERIENZE IN ALTA QUOTA CON I FIORI DELLA VIA

I RACCONTI DI PAOLA SBAIZ, scopritrice dei Fiori della Via

La preparazione delle Basi Madre dei Fiori della Via viene effettuata nei posti dove crescono spontaneamente questi fiori di alta quota: ogni anno ci ritorno per rinnovare la Base Madre e sempre per me l’esperienza si colora di magia. Eccone alcuni esempi. Paola Sbaiz

FIDARSI CON LUPINO

Il Lupino è un Fiore che mi è molto caro perché, quando ho concepito il sogno-progetto di ricerca sui fiori di alta quota, è stato il primo che ho ricevuto-sentito per ispirazione.

Molto più tardi, quando ho avuto la possibilità di trovarlo e conoscerlo energeticamente, ho capito perché proprio Lupino sia stato il primo: a quel tempo avevo bisogno di tutta la forza e la determinazione per avviare il mio intento e portarlo in manifestazione.

ED È QUESTA LA POTENZIALITÀ CHE IL LUPINO SOLLECITA NELLA PERSONA:

FORZA PROPULSIVA, COSTANZA, PERSEVERANZA, FIDUCIA, ENERGIA … NEL PROPRIO PERCORSO DI VITA, SPECIALMENTE DOPO FASI DI RALLENTAMENTO O DI STASI.

Sul piano spirituale, accompagna favorevolmente la consapevolezza del ruolo che i voli astrali possono avere nel RICONOSCIMENTO DEL DIVINO IN NOI E NELLA COMPRENSIONE DELLA NATURA DELLA CO-CREAZIONE.

Ogni volta che mi accosto alla pianta, su in montagna, vivo esperienze sorprendenti: quest’anno ero arrivata lassù all’alba, purtroppo scoprendo che tutta la zona era avvolta da una grande foschia.

Confidando nel sorgere del sole, ho raggiunto l’areale dove cresce spontaneo il Lupino, ma anche dopo qualche ora la nebbia persisteva, impedendo la corretta solarizzazione dell’essenza: la densità non lasciava ben sperare e si stava facendo tardi per iniziare la preparazione, tanto che ormai pensavo di tornare a casa.

Così ho chiesto al Lupino: che fare? La risposta “FIDATI”

E IN CAPO A SOLO POCHISSIMI MINUTI LA NEBBIA È SVANITA COME D’INCANTO, lasciando libero il sole di risplendere con tutta la sua potenza: è stata una solarizzazione straordinaria.

COMFORT ZONE SPIRITUALE, NUOVI SEGNALI E CERASTIO

Di anno in anno, per rinnovare le Basi Madre dei Fiori della Via, ritorno sempre sugli stessi areali scelti fin dall’inizio per le loro favorevoli caratteristiche naturali.

Quasi quasi, lo potrei considerare la mia Comfort zone floreal-spirituale …

Quest’estate però qualcosa è cambiato proprio la sera prima di partire per la preparazione di CERASTIO, mentre stavo organizzando il materiale nello zaino.

Ho cominciato ad avvertire il richiamo-attrazione per una montagna diversa da quella dove avevo finora preparato l’essenza Madre: “una montagna non ancora esplorata?” C’era seriamente il rischio di sprecare una delle rarissime giornate di pieno sole in alta quota prevista per l’indomani! (“meglio andare sul sicuro”)

Ci ho dormito sopra: al risveglio la sensazione si è ripresentata con un misto di quella gioiosa curiosità che sempre dissolve le mie “ragionevoli esitazioni”

E seguendo il mio segnale interiore:

viaggio tutto liscio, percorso in salita sorprendentemente semplice e scoperta di un nuovo areale ricco .. che dico? Ancor di più!! Una santa abbondanza di CERASTIO in piena strepitosa fioritura!!!

CERASTIO

Libertà di fluire nella vita, superando la paura del cambiamento per aprirsi a nuove dimensioni dell’essere: come dice Sri Aurobindo “la Trasformazione è l’arma del Maestro”.

A FAR I CONTI SENZA “L’OSTE”: DORONICO

Così come nella musica le pause sono importanti, anche io tra una preparazione di fiori e l’altra stavo per dedicarmi una giornata di tutto riposo a casa: tanto il fiore Doronico non c’era proprio.

Avevo esplorato il suo areale in alta quota qualche giorno prima e della pianta neanche “l’ombra”.

Ma avevo fatto i conti senza “l’oste”: in questo caso, senza “quell’ospite ignoto” (così viene chiamata in certe tradizioni la Guida spirituale) di cui Doronico è evocatore dorato.

Infatti, poco prima di addormentarmi quella sera, eccola là > LA VISIONE DI DORONICO in piena fioritura, quasi a dirmi: MUOVITI, IO CI SONO! Possibile???

Non me lo sono fatta ripetere. Dopo poco sono partita e raggiunto il posto, per quanto incredibile fosse anche ai miei occhi, eccola là: un’ampia distesa delle sue piante in piena fioritura, proprio dove il “Fiore Maestro” mi aveva mostrato.

Per fortuna che in ognuno di noi c’è questa sorprendente “parte magica”: Doronico me lo aveva ricordato, ancora una volta …

Puoi trovare i Fiori della Via in Parafarmacia, Erboristeria, Farmacie locali

 

Pin It on Pinterest

Share This